Blog

 / Wedding  / Perchè l’abito da sposa è bianco?

Perchè l’abito da sposa è bianco?

L’abito bianco è senza dubbio uno dei simboli del matrimonio, ma perché si sceglie proprio questo colore? Scopriamo le origini di questa tradizione.

Il bianco è senza dubbio uno dei colori simbolo del matrimonio, soprattutto nella scelta dell’abito nuziale: un matrimonio non può essere definito tale senza l’abito bianco! Non tutti sanno che questa tradizione è relativamente recente e che le spose non sono sempre giunte all’altare in abito bianco: nel Medioevo, infatti, si usava adornare gli sposi con tessuti colorati e gioielli preziosi, simbolo di ricchezza. Molti associano il colore bianco alla purezza e alla castità, ma la verità che si cela dietro questa scelta è un’altra. Scopriamo per quale motivo i matrimoni si celebrano in abito bianco!

STORIA DELL’ABITO DA SPOSA

La scelta dell’abito nuziale era dettata più dai trend del momento, che da tradizioni secolari, come possiamo dedurre dalle testimonianze storiche. Nell’Antico Egitto le spose indossavano una leggera sovraveste di lino, mentre per gli Antichi Greci bastava una tunica drappeggiata e adornata da cordoni. Per i Romani, invece, l’abito nuziale era una tunica gialla o bianca stretta in vita da una cintura, impreziosita da un elemento decorativo e da un velo tendente al giallo. Per i Longobardi i colori prediletti per gli abiti da sposa erano il nero delle vesti e il rosso del mantelli decorativi, quest’ultimo colore scelto per buon auspicio e fertilità.
La prima a sposarsi in abito bianco fu la Principessa Filippa d’Inghilterra che nel 1406 convolò a nozze con Erik di Danimarca. Poco più di un secolo più tardi, nel 1558, la Regina di Scozia Maria Stuarda sposò Francesco II di Francia indossando un abito bianco, ma la sua scelta non fu vista positivamente dato che il bianco era considerato da tutti come colore del lutto. Dopo due anni, infatti, il giovane Francesco II morì, confermando le voci negative che giravano intorno all’abito.

L’abito bianco divenne una consuetudine per tutte le spose a partire dal 1840, quando la Regina Vittoria d’Inghilterra scelse questa mise per le sue nozze con Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha, diventando così una vera trend setter.

PERCHÈ L’ABITO DA SPOSA È BIANCO?

Fino al secondo dopoguerra, tuttavia, molti sposi provenienti dalle classi meno agiate usavano sposarsi indossando semplicemente “l’abito buono”, quello sfoggiato nelle occasioni speciali. Prima della Regina Vittoria, infatti, i colori scelti per confezionare gli abiti da sposa erano tutti meno che il bianco, i più poveri usavano in genere il grigio e il marrone, mentre i più ricchi puntavano a mostrare ricchezza e benessere.

Il bianco in genere era utilizzato dalle dame di corte che in questo modo dimostravano di poter indossare abiti candidi senza il rischio di sporcarli, dato che non erano impegnate in alcun tipo di attività lavorative.
La moda dell’abito bianco, quindi, non deriva da un fattore simbolico e spirituale, come siamo intenti a leggere e sentire spesso in giro, ma dallo spirito eccentrico di una Regina. Il colore della purezza per eccellenza, infatti, è l’azzurro, ossia il colore del velo indossato nell’iconografia tradizionale dalla Vergine Maria.

Insomma, anche la più amata delle tradizioni è frutto di una scelta di stile!

Per idee sulla scelta del tuo abito da sposa, dai un’occhiata alle nostre collezioni!

No Comments
Post a Comment